Sturla

Sturla è un quartiere di Genova, già borgo marinaro quale insieme di piccole cale marinare (Sturla a mare, sulla foce del torrente Sturla; Vernazzola, a ponente, e Boccadasse, oggi quartiere a sé stante limitrofo a quello di Albaro). È situato sul golfo omonimo.

I rioni limitrofi sono, ad ovest, il citato quartiere di Albaro; a nord quelli di Borgoratti e San Martino; a est con Quarto dei Mille.

Il rione di Sturla è servito da bus dell’AMT Genova (linee 15, 31, 45, 584, 512, 513) e treno (Stazione di Sturla).

Presso la piazza Sturla sono diversi istituti; il sestiere conta su un asilo nido (intitolato a Nini Corsanego), un asilo infantile (Bartolomeo Chighizola), entrambi sulla via che si dirige da questa piazza verso Vernazzola; una scuola primaria e delle medie (Bernardo Strozzi) e un liceo scientifico (il Martin Luther King) realizzato negli anni 1960.

Sturla è sede di un ospedale pediatrico di valenza europea – l’Istituto Giannina Gaslini – situato al confine e in parte sistemato nel vicino sestiere di Quarto, di un campo sportivo per l’atletica leggera (sito a Villa Gentile), e delle tipiche strutture balneari pubbliche e private compresa una piscina presso la società Sportiva Sturla.

L’attuale parrocchia di Sturla è la chiesa della Santissima Annunziata, risalente al XV secolo, al cui stile si richiama il campanile a cuspide. Venne restaurata interpretativamente dal parroco don Gaggero nel dopoguerra. Essa cronologicamente succedeva ad una precedente chiesa intitolata a San Celso e posta sul litorale non lontano dalla foce del torrente Sturla.

Sturla è situata presso la foce del torrente Sturla. La zona delle vecchie case di pescatori affacciate sul mare rimane defilata rispetto al percorso della via Aurelia, che proprio in questo punto si allontana dalla costa.

Vernazzola è un altro caratteristico borgo marinaro interno che si affaccia sul mare. Tra Sturla e Vernazzola è stato realizzato il depuratore delle acque del sistema fognario urbano. A ponente Vernazzola è separata dal rilievo di capo di Santa Chiara che chiude il golfo della foce dello Sturla ed è dominato dal castello Turckle, villa a castelluccio progettata dall’architetto Gino Coppedè nei primi decenni del XX secolo e che riprende la tipologia precedentemente creata a Genova dall’architetto fiorentino per il castello Mackenzie. Capo di Santa Chiara ospita altre ville a castello.

Boccadasse: si trova subito a Ponente di Capo di Santa Chiara, e, pur rimanendo già nel sestiere di Albaro, lo si può considerare l’ultimo dei piccoli borghi marinari di Sturla.

 

Il quartiere è tagliato in due dall’omonimo torrente Sturla che sfocia in questo punto. Lo Sturla è lungo dieci chilometri e raramente è in secca. Nasce nella zona di San Desiderio e di Bavari da dove corre in una valle stretta tra le pendici del monte Fasce e del monte Ratti, giungendo poi alla zona di Borgoratti. Sfocia vicino al depuratore raccogliendo fra i suoi affluenti principali il rio Pomà, il rio Canè, il rio Penego e molti altri.

Altri torrenti della zona erano il rio Vernazza, oggi completamente incanalato in gallerie sotterranee, che dalla zona dell’antica Aurelia Romana denominata appunto Vernazza, passando per la valletta in cui è collocato il liceo King, e quindi sotto la piazza Sturla, sfocia nella insenatura di Vernazzola.

Inizialmente la via Aurelia Romana, usata sino all’epoca Napoleonica, evitava la parte a mare passando per le vie Antica Romana di Quarto, per il Ponte Vecchio di Sturla (un ponte medioevale che con due arcate passa sullo Sturla), per le vie delle Casette, Pontetti e Vernazza.

In epoca Napoleonica venne realizzata la nuova via Aurelia a mare, che però, raggiunta la chiesa parrocchiale di Sturla (sopra piazza Sturla), deviava per via Sturla per la zona di San Martino, per arrivare da qui a Genova. Nel Novecento vennero realizzati altri assi viari, partendo dalla piazza Sturla, che univano più direttamente Sturla al centro di Genova.

La piazza Sturla venne ampliata con un viadotto che prosegue come via Caprera sulla valletta del torrente Vernazza. A mare di questa moderna percorribilità restano appartati gli antichi e piccoli borghi di pescatori

GRAFICENTER SRL P.I.: 01713530994 16121 VIA LANFRANCONI 5/9 D GENOVA Telefono:010 8696670 fax:010 8696674