Cogoleto


Il borgo di Cogoleto era già abitato nel V-VI secolo , come testimonia il ritrovamento di un frammento di balaustra (pluteo) risalente all’epoca della presenza bizantina in Italia e probabilmente appartenuta all’antichissima Cappella di Santa Maria Maddalena.
Intorno al decimo secolo Cogoleto finì sotto la dominazione Longobarda e venne inglobata nella Marca della Liguria Occidentale da Berengario II.
Dopo alterne vicende che la videro passare sotto il Marchesato di Savona prima e la Podesteria di Varazze poi, nel 1343 passò alla Repubblica di Genova sotto la giurisdizione della podestiera di Voltri.
Fra le sue principali attività Cogoleto vantava, oltre a quella della pesca e dell’alta marineria, comprovata dalla presenza di flotte capitanate da marinai del luogo, l’arte della produzione di calce, che veniva eseguita grazie a degli speciali forni, attivi a partire dai primi secoli di vita della città.
Traccia del suo passato sono le antiche Case-Torri d’avvistamento per i saraceni, testimoni di un’ epoca travagliata, e le antiche case, anch’esse medievali, che si stringono attorno al palazzo comunale nel centro storico del borgo.
Nel 1800 Cogoleto è teatro del tragico scontro fra l’esercito Napoleonico e quello austriaco che passerà alla storia come “la battaglia di Cogoleto”.
Sempre nel periodo Napoleonico fu spazzata via un’ importante testimonianza del suo passato, un piccolo castello risalente al 1200, più tardi rinforzato e dotato di cannoni e di mura che dovevano accogliere la popolazione in caso di pestilenza.
Bonaparte decise di abbatterlo perchè ostacolo alla costruzione della nuova strada che doveva collegarla con Nizza e Roma.
Dopo il Congresso di Vienna del 1814 passerà sotto il Regno di Sardegna fino all’Unità d’Italia del 1861.
L’ottocento e il novecento conosceranno entrambi un pesante sfruttamento industriale, complice la presenza di fabbriche metalmeccaniche e chimiche, che arrecheranno dei danni ambientali soprattutto al tratto costiero.
La crescente insofferenza nei confronti dell’inquinamento industriale porterà alla formazione di comitati dei cittadini che dopo anni di lotte otterranno il graduale smantellamento delle fabbriche, nell’ottica di una rinnovata sensibilità ecologica che causerà una significativa inversione di tendenza. Attualmente sono previsti interventi di bonifica del territorio dell’area marino-costiera da parte del Ministero dell’ambiente, volti a riportare l’area al suo stato originario.
Oggi Cogoleto, nominata città dell’olimpismo e dello sport, può ancora vantare fondali sottomarini meta di immersioni subacquee (Posidonia),e di snorkeling (il relitto bonificato della Haven), una suggestiva passeggiata a mare che la collega ad Arenzano e che prosegue fino a Varazze, con l’incantevole tratto sterrato dei Piani d’Ivrea, e un entroterra che si estende fino al Monte Beigua.
Da non perdere l’orto botanico di Villa Beuca che ospita al suo interno una rappresentazione della varietà degli ambienti Liguri, una cornice di vegetazione spontanea, e una fauna a prevalenza avicola.

GRAFICENTER SRL P.I.: 01713530994 16121 VIA LANFRANCONI 5/9 D GENOVA Telefono:010 8696670 fax:010 8696674